EU Blockchain Partnership

Il 10 aprile 2018, 21 Stati membri e la Norvegia hanno accettato di firmare una dichiarazione che crea il partenariato europeo blockchain (EBP) e cooperare alla creazione di un’infrastruttura europea di servizi blockchain (EBSI) che supporterà la fornitura di servizi pubblici digitali transfrontalieri , con i più alti standard di sicurezza e privacy. Da allora, altri 5 Stati membri hanno aderito al partenariato, portando a 27 il numero totale dei firmatari.

Blockchain è una tecnologia per promuovere la fiducia degli utenti. Permette di condividere informazioni on-line, concordare e registrare le transazioni in modo verificabile, sicuro e permanente. La tecnologia è già stata collaudata con successo, principalmente nei servizi finanziari, e diventerà più operativa e integrata in un numero crescente di servizi digitali, come ad esempio rapporti normativi, energia e logistica nei prossimi anni.

Mariya Gabriel , commissario per l’economia e la società digitale, ha accolto con favore la firma della dichiarazione:

 

In futuro, tutti i servizi pubblici useranno la tecnologia blockchain. Blockchain è una grande opportunità per l’Europa e gli Stati membri di ripensare i loro sistemi di informazione, promuovere la fiducia degli utenti e la protezione dei dati personali, contribuire a creare nuove opportunità di business e stabilire nuove aree di leadership, a vantaggio dei cittadini, dei servizi pubblici e delle imprese. Il partenariato lanciato oggi consente agli Stati membri di collaborare con la Commissione europea per trasformare l’enorme potenziale della tecnologia blockchain in servizi migliori per i cittadini .

 

La natura decentralizzata e collaborativa della blockchain e delle sue applicazioni consente fin dall’inizio di sfruttare a fondo il mercato unico digitale. Una stretta cooperazione tra gli Stati membri può aiutare a evitare approcci frammentati e garantire l’interoperabilità e una più ampia diffusione di servizi basati su blockchain. Il partenariato contribuirà alla creazione di un ambiente favorevole, nel pieno rispetto delle leggi dell’UE e con chiari modelli di governance che aiuteranno i servizi che utilizzano la blockchain in tutta Europa.   

La Commissione europea ha inoltre lanciato l’Osservatorio e il forum Blockchain dell’UE nel febbraio 2018 e ha già investito oltre 80 milioni di euro in progetti a sostegno dell’uso della blockchain nelle aree tecniche e sociali. Circa 300 milioni di euro in più saranno assegnati alla blockchain entro il 2020.

Paesi firmatari della dichiarazione:

La dichiarazione di partenariato Blockchain è stata lanciata alla Digital Day 2018 ed è stata firmata da ventuno Stati membri dell’UE: Austria, Belgio, Bulgaria, Repubblica ceca, Estonia, Finlandia, Francia, Germania, Irlanda, Lettonia, Lituania, Lussemburgo, Malta, Paesi Bassi, Polonia, Portogallo, Slovacchia, Slovenia, Spagna, Svezia, Regno Unito.

Altri paesi hanno aderito dal lancio dell’iniziativa:

  • Il Liechtenstein ha firmato il 1 ° febbraio 2019
  • La Grecia ha firmato il 23 maggio 2018.
  • La Romania ha firmato il 29 maggio 2018.
  • La Danimarca ha firmato il 1 ° giugno 2018
  • Cipro ha firmato il 4 giugno 2018
  • L’Italia ha firmato il 27 settembre 2018

La Commissione europea incoraggia altri paesi dell’UE e dello Spazio economico europeo a unirsi al partenariato blockchain. 

 

Fonte: ec.europa.eu


Rispondi

Questo sito web utilizza i cookie e chiede i utilizzare alcuni tuoi dati personali per migliorare la tua esperienza di navigazione.