La moneta elettronica

L’evoluzione tecnologica ed informatica ha reso possibile accedere e gestire il proprio denaro senza recarsi fisicamente presso l’istituto; questo sistema permette uno scambio immediato di fondi in maniera digitale attraverso dei supporti magnetici (card-based) o strumenti che abbiano una connessione ad internet (software-based, network-based).

Secondo la Commissione Europea la moneta elettronica è:

«un valore monetario rappresentato da un credito nei confronti dell’emittente che sia memorizzato su un dispositivo elettronico1, emesso dietro ricezione di fondi il cui valore non sia inferiore al valore monetario emesso, accettato come mezzo di pagamento da imprese diverse dall’emittente»2

Molti Governi hanno agevolato il passaggio dalle banconote alla moneta elettronica questo perché attraverso il sistema della tracciabilità3 è possibile evitare frodi ai danni del Fisco evitando principalmente l’evasione e l’elusione fiscale oltre che il riciclaggio di capitali provenienti da attività illecite.

Tra i vantaggi principali di questi strumenti abbiamo: la praticità (trasportabilità, maneggevolezza e velocità di pagamento), un alto livello di sicurezza oltre che bassi costi di gestione.

Per diverse motivazioni è chiaro che, in futuro, la soddisfazione di un bisogno non avverrà più attraverso lo scambio di banconote ma esclusivamente attraverso la cessione di un valore digitale che potremmo associare al credito che l’istituto presso il quale sono depositati i nostri fondi ha nei nostri confronti.

Se la moneta elettronica corrisponde al saldo di un conto bancario, non va confusa con la moneta virtuale che, invece, è un tipo di valuta non regolamentato che sostituisce completamente le normali valute in circolazione, non ha una natura fisica e può essere utilizzato solo attraverso internet.


1 Esistono diversi tipi di strumenti: bancomat, supporti magnetici (carte di credito, debito e prepagate), assegni elettronici, pos, etc.

2 Art. 1.3.b direttiva 2000/12/CE

3 Comprende tutti quei provvedimenti legislativi atti a sfavorire o limitare l’utilizzo di contanti per le transazioni economiche, è stabilita una soglia di spesa oltre la quale diviene obbligatorio il pagamento attraverso la moneta elettronica




Rispondi

Questo sito web utilizza i cookie e chiede i utilizzare alcuni tuoi dati personali per migliorare la tua esperienza di navigazione.