Le Criptovalute

La moneta matematica1 o virtuale2 è una moneta fiduciaria3 che, a differenza delle valute complementari o della moneta elettronica, nate rispettivamente per affiancare la moneta tradizionale o digitalizzarla, ha un obiettivo molto più ambizioso: abbattere ogni confine territoriale per esser liberamente scambiabile attraverso la rete mondiale di internet senza nessun controllo diretto, nemmeno dei Governi o delle Banche Centrali.

Il sistema della crittografia a chiave simmetrica4 permette sia di convalidare e proteggere le transazioni mondiali sia di creare nuova moneta, che appunto viene definita criptovaluta o crittovaluta.

Ad oggi sul mercato, tra coin e token5, sono presenti più di 1250 diverse monete virtuali6, ognuna di esse è collegata ad un progetto specifico i cui obiettivi sono contenuti in un documento chiamato whitepaper7.

Le prime 5 criptomonete per capitalizzazione sono: bitcoin, ehtereum, bitcoin cash, ripple e litecoin.

Bitcoin, è la valuta di riferimento nel mondo delle monete virtuali, è stata la prima ad essere creata e, ad oggi, nonostante i diversi tentativi di fork8, continua a resistere e il fatto che nell’ultimo anno, abbia fatto registrare un aumento di valore pari al 700%, è un chiaro successo. Un risultato reso possibile non solo per la fiducia che molti soggetti, giorno dopo giorno, hanno concesso a questo nuovo sistema di pagamento, ma soprattutto grazie ad un aspetto intrinseco che riguarda due delle sue caratteristiche più importanti: la sicurezza e la privacy.

Ethereum, si è sviluppata dal codice sorgente del bitcoin, questa moneta è destinata a rivoluzionare l’attuale sistema economico finanziario e giuridico portando alla nascita di nuove attività nel settore Fintech9. l suo punto di forza risiede nel sistema di gestione dei processi di “Smart Contract10” attraverso la propria piattaforma Blockchain. Ethereum, è pensata come un super computer globale, in cui i singoli utenti contribuiscono al mantenimento di un registro pubblico delle operazioni e all’esecuzione automatizzata di alcuni protocolli. Le caratteristiche di questa moneta la rendono perfetta anche per usi non strettamente connessi alla finanza, per esempio l’internet delle cose11.

Bitcoin Cash, viene considerata dalla rete come l’evoluzione del bitcoin, in quanto nasce dalla correzione di alcuni limiti imposti dal codice originale che ne vincolavano la grandezza del blocco di conferma ad 1 Mb, nel caso del bitcoin cash questo limite è stato portato a 8 Mb, con il vantaggio di poter velocizzare i processi di validazione delle transazione sulla blockchain.

Ripple, è un sistema di trasferimento di fondi in tempo reale, il fine di questo progetto è quello di rendere le transazioni finanziarie veloci e a basso costo. Questo sistema è già stato sperimentato da alcune banche come: Unicredit e Santander, per migliorare la rete interbancaria

Litecoin, . è una derivazione del bitcoin a cui sono state apportate delle modifiche al codice sorgente così da diminuire il tempo di elaborazione di un blocco di convalida, inoltre è stato aumentato il limite massimo di moneta che potrà circolare (84 milioni) inoltre è stato sostituito anche l’algoritmo di criptografia.

Come la moneta fiat anche le criptovalute hanno diversificato il loro utilizzo, infatti oltre ad utilizzarla per gli acquisti è anche possibile utilizzarla per operazioni di trading12 o addirittura per esser accumulata come riserva nel lungo periodo.

Molte società che operano con le monete virtuali, diversamente degli istituti di credito tradizionali, risiedono nel cyberspazio13, diventa così difficile poter regolamentare le loro attività. Solo recentemente, alcune di queste, al fine di tutelare il proprio business e quello dei clienti, han deciso di sottoporre, le transazioni, alla legislazione dei Paesi nei quali queste vengono effettuate.

Uno dei primi siti internet di compra/vendita online e forse anche il più conosciuto a causa delle vicende giudiziarie che ne sono seguite, ad usare questo sistema di pagamento è stato il marketplace14Silk Road15.

Definito l’Amazon16 delle droghe, la maggior parte dei prodotti in vendita sul portale non erano legali, pertanto, era indispensabile garantire sia ai venditori che agli acquirenti il massimo anonimato, ciò è stato reso possibile grazie a due strumenti: Tor ed il bitcoin.

Il primo è un sistema di comunicazione anonima per internet attraverso cui è possibile sia offrire contenuti che navigarli. Il secondo, è una moneta virtuale capacità di nascondere l’identità dei soggetti coinvolti nella transazione oltre che di garantire la certezza del pagamento.

 


 

1 Moneta prodotta e resa sicura tramite la crittografia, successivamente distribuita e fatta circolare secondo algoritmi noti.

2 Che esiste solo su internet, pertanto non viene coniata e/o stampata da una zecca. Esistono delle procedure per poter trasferire su carta/moneta questo processo ma ciò è funzionale solo per una maggior sicurezza nel custodire la propria moneta lontano dalla rete e da possibili attacchi hacker.

3 Indica tutti quegli strumenti di pagamento, convenzionalmente accettati, in cui è riposta fiducia sull’emittente. Storicamente fa riferimento alla moneta bancaria che, per prima, attraverso le banconote ha de-materializzato la moneta da un metallo prezioso come l’oro o l’argento.

4 La crittografia a chiave simmetrica, chiamata anche crittografia a chiave condivisa o segreta, si basa sull’utilizzo di una singola chiave posseduta sia dal mittente sia dal destinatario. Questa chiave, utilizzata sia per la cifratura sia per la decifratura, è denominata chiave segreta in quanto deve essere nota solo al mittente e al destinatario dell’informazione da proteggere.

5 Brevemente, il coin è l’equivalente della valuta, mentre il token è, idealmente, un bene negoziabile (merce, servizi, azioni societarie, etc.) utilizzato principalmente nelle ICO (Initial Coin Offer, vedi cap..

6 Fonte coinmarketcap.com, in questo sito, oltre l’elenco delle monete virtuali in circolazione, sono pubblicati interessanti dati, grafici e statistiche sulle monete.

7 Letteralmente “libro bianco” si riferisce ad un particolare documento rilasciato prima di rendere esecutivo un determinato progetto, al suo interno sono presenti le caratteristiche più importanti (punti di forza, possibili impieghi, roi, etc.). Il whitepaper di bitcoin è disponibile al seguente indirizzo: https://bitcoin.org/bitcoin.pdf (Visitato il 01/11/2017)

8 E’ una divergenza permanente della blockchain dovuta ad un cambio di protocollo che potrebbe portare alla creazione di una nuova moneta.

9 «Si tratta di una branca dell’economia in forte crescita, la Fintech aveva un valore stimato, al 2008, di 930 milioni di dollari, arrivati a 12 miliardi al 2014, con oltre 4.000 aziende tecno-finanziare operative. I servizi erogati dalla FinTech sono, sostanzialmente, quelli della finanza tradizionale: quindi dalle semplici transazioni ai pagamenti, fino all’intermediazione e alla gestione del rischio, tipico ed esclusivo di questo settore sono invece le attività legate alle valute elettroniche come, per esempio, il Bitcoin.» Fonte: www.wallstreetitalia.com/trend/fintech/ (visitato il 30/11/2017)

10 Protocolli che facilitano, verificano o fanno rispettare, la negoziazione o l’esecuzione di un contratto, o che evitano il bisogno di una clausola contrattuale.

11 L’internet delle cose o IoT, acronimo di Internet of things, si riferisce ad un particolare tipo di tecnologia integrato in tutti quei prodotti di uso comune, che attraverso una sorta di intelligenza artificiale sono in grado di comunicare con altre apparecchiature attraverso l’utilizzo della rete e di internet. Questo concetto è molto spesso utilizzato nella robotica e nella domotica (scienza che studia le tecnologie da applicare in ambienti antropizzati al fine di migliorarne la qualità della vita)

12 Operazione di acquisto e vendita di prodotti finanziari (valute, azioni, etc.) effettuate da un trader, il cui fine sarà di ottenere un profitto sulla base delle oscillazioni di prezzo del titolo. La posizione assunta dal trader sarà orientata verso operazioni giornaliere o di breve periodo, in quanto il suo fine è la speculazione.

13 E’ uno spazio virtuale ed immateriale creato da reti informatiche mondiali dove alcuni soggetti (persone, enti, istituzioni e aziende) interagiscono tra loro. Con il progresso tecnologico e con l’evoluzione delle interazioni virtuali si è reso indispensabile dover riconoscere e normare le azioni che vengono poste in essere in questi “non luoghi” e che potrebbero anche avere degli effetti reali nello spazio reale.

14 I marketplace sono dei luoghi, reali o virtuali, in cui avvengono degli scambi. In internet fa riferimento a quei portali che fungono da intermediari tra i diversi venditori e la clientela.

15 Letteralmente “via della seta”, è un sito internet comparso nel darkweb, ovvero quella parte della rete non censita, alla quale è possibile accedervi solo attraverso particolari strumenti come Tor. Attraverso questo marketplace era possibile acquistare o vendere in modo del tutto anonimo diversi prodotti o servizi illegali (armi, droghe, sesso, sicari, documenti falsi etc.). Le indagini condotte dall’FBI hanno portato all’arresto, nel 2015, di Ross Ulbricht, conosciuto online con l’acronimo di “Dread Pirate Roberts”.

Ulbricht, ispirato dall’ideologia del libertarianismo della scuola austriaca e dal pensiero dell’economista Lufwig von Mises, ha studiato ed ideato un sistema in cui ogni individuo fosse libero di inseguire il proprio business senza dover necessariamente sottostare alle regole di mercato imposte dall’alto come, appunto, la tipologia di prodotto da contrattare. La battaglia legale contro Silkroad e Ulbricht sono diventanti, per il governo americano, il simbolo della lotta alla cybercriminalità, ciononostante c’è chi ha notato degli aspetti positivi nell’ambizioso progetto del “Pirata della Libertà”, infatti, negli anni di attività di Silkroad si è assistito ad un graduale calo della microcriminalità dovuta allo spaccio e consumo di droghe, sulle strade.

16 Amazon è una delle piattaforme di vendita più utilizzate al mondo.


 



Rispondi

Questo sito web utilizza i cookie e chiede i utilizzare alcuni tuoi dati personali per migliorare la tua esperienza di navigazione.