Moneta locale, il sistema della WIR Bank

Come le altre forme, la moneta locale, nasce allo scopo di rilanciare, attraverso la creazione di circuiti di credito, non solo l’economia e gli scambi ma anche le imprese e l’artigianato locale penalizzati dalla globalizzazione e l’inflazione.

Per il funzionamento di questo sistema è fondamentale la creazione di una solida rete di aziende e imprenditori disponibili a acquistare, produrre e/o vendere beni e servizi utilizzando le risorse del circuito.

Uno dei migliori esempi di moneta locale è quella legata all’esperienza Svizzera della Banca WIR. Il Wir1 nasce nel 1934 quando alcuni imprenditori Svizzeri e Tedeschi si sono associati per combattere la crisi di liquidità a seguito della crisi degli anni ‘30. Nel 1936 diventa banca a tutti gli effetti e adotta il franco Wir come strumento di pagamento per gli scambi, il suo rapporto con il franco svizzero è di uno ad uno.

A differenza delle monete fiat che sono collegate al debito, il Wir è un credito puro non soggetto a tassazione né inflazione, ciò permette alle imprese di poter usufruire di un vantaggio economico immediato che si aggira approssimativamente dal 30% al 50% rispetto ai volumi generati con la moneta tradizionale. Inoltre è anche un incentivo all’utilizzo delle risorse nazionali rispetto a quelle della grande distribuzione organizzata multinazionale

Anche se tecnicamente non è permessa la convertibilità questa può avvenire con regole precise, ovvero è possibile depositare franchi svizzeri in cambio di crediti Wir, oppure è possibile pignorare temporaneamente una certa somma di franchi Wir in cambio di un prestito utile a far fronte a impellenti pagamenti in moneta fiat.

Non producendo interessi, il denaro Wir non viene accantonato ma viene fatto circolare per alimentare il commercio e l’economia della Svizzera, i servizi di pagamento offerti dalla banca sono quelli classici: home banking, carte magnetiche, app mobile.

I clienti della banca, attraverso il portale “WIR Market”, possono effettuare delle ricerche nel database al fine di trovare i fornitori che accettano i pagamenti attraverso questo sistema, ma possono anche promuovere la propria attività o vendere i propri beni e/o servizi direttamente online.


1 In tedesco può essere tradotto sia come “noi” che come “circolo economico”




Rispondi

Questo sito web utilizza i cookie e chiede i utilizzare alcuni tuoi dati personali per migliorare la tua esperienza di navigazione.